annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Le Poesie di Marcy

Comprimi
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Le Poesie di Marcy

    BAMBOLA DE PEZZA (Marcy)



    Lì bona bona dentro ‘na vetrina
    ‘Na bambola de pezza a ‘n’angoletto
    stava li tutta sola ,’n po’ ‘n disparte
    in mezzo a fior de giochi un po’ costosi.

    Dù occhioni tanto dorci, disegnati
    Su quer visetto rosa tanto bello
    ‘na piccola stricetta pé boccuccia
    pe naso, dù puntini lì ner mezzo.

    Le guance ‘n po’ niscoste dai capelli
    Fatti co’ tutti quanti fir de lana
    Un corpicino lungo e gracilino
    Con grembiulino e ‘n grande scritto Ketty.

    Passaveno li giorni e mai nisuno
    Te s’accorgeva de ‘sta bamboletta
    Prendevano d’assarto li computer
    Li video game li giochi der futuro.

    Poi ce s’è messo puro er Carnevale
    Co’ tanti bei costumi colorati
    Co’ maschere de gomma spiritose
    E pé cornice ‘n sacco de colori.

    Vedendo que le cifre e que li prezzi
    Che stavano attaccati all’artri giochi
    La gelosia nun è che la sfiorava
    Ma ‘n fonno ‘n fonno un po’ je dispiaceva.

    Sembrava destinata a stà nell’ombra
    Quanno te vede li sur marciapiede
    Un ber lupetto co’ l’occhioni neri
    Cor naso appiccicato alla vetrina.

    Nun era ‘n sogno, si, l’arimirava
    Pareva che ce fosse solo lei
    Stava li, zitto zitto e nun parlava
    Jé strizzò l’occhio mentre sorideva.

    A pà, me compri Ketty, quant’è bella
    Dai nun fa storie, daje, annamio dentro
    Vedrai te lo prometto,sto’ più bono
    Grazie papà, sei er mejo pà der monno

    ‘Sta bambola de pezza ‘mpallidita
    vedendo que la scena se commose
    sembrava je battesse puro er core
    ja ribollisse ‘r sangue nelle vene

    ‘Sto pupo je s’accosta l’accarezza
    la prenne, se la strigne forte ar petto
    papà, mo nun c’ho più paura a dormi solo
    la guarda se la bacia e fa ‘n sospiro.

    Uscendo dar negozio ‘sto maschietto
    Se guarda ‘r padre ‘n po’ meravijato
    M’è parso de vedé ma nun so’ certo
    ‘na lacrima colaje lungo er viso.

    E fra la contentezza e lo stupore
    Co’ Ketty strett’ar core se ‘n’annava
    Li verso casa tutto soddisfatto
    A coronà ‘sta tenera passione.
    sigpicSo' Maggico come la Maggica

  • #2

    Caspita che poeta
    E che ste belle poesie te le volevi tenere tutte per te?
    Hai fatto benissimo a condividere con noi
    Ora ne vogliamo altre

    Commenta


    • #3
      Ce le ho scritte tutte su un quadernino perchè quando le ho scritte i computer ancora nun se vedevano...ora le scrivo e ne posto qualcun'altra
      Grazie dei complimenti

      sigpicSo' Maggico come la Maggica

      Commenta


      • #4
        Ma che bellaaaaa...davvero Marcy...io non sono molto da poesie ma questa è davvero bella...e allora aspetto le altre...ci conto!!!

        Commenta


        • #5
          Ancora, ancora, ancora!!!!

          Commenta


          • #6
            Dato che c'è tutta 'sta frenesia
            V'accontento al più presto


            Ultima modifica di Marcy; 14-10-2010, 10:00.
            sigpicSo' Maggico come la Maggica

            Commenta


            • #7
              AMORE E DELUSIONE (Marcy)





              E ripenso a qué li giorni quanno sotto er chiar de luna
              Que l’occhioni dorci e belli, t’aricchiveno a natura
              Me piacevi da morì, eri ‘n’angelo ‘n’amore
              Me piacevi così tanto che te volli donà ‘n fiore

              Eri bella fino ar punto, che ar cospetto de ‘na stella
              Me sembravi ‘na regina , perché eri ancor più bella
              Que le guance tonne tonne, que le labbra ,quer nasetto
              Me ce volle più de ‘n mese pe po***** da ‘n bacetto

              So’ ricordi che te lasseno quarcosa dentro ar core
              Nun te scordi facilmente de quer dorce e granne amore
              Le rincorse in riva ar mare tra la sabbia e l’ombrelloni
              E li baci ‘n piena notte sotto ‘r lume dei lampioni

              Que li baci mozzafiato, che me davi a casa nostra
              Fino a quanno que la sera me facesti qua proposta
              Tu me dissi “ Amore mio, mo’ è ‘n par d’anni che s’amamo
              Se volemo sta più bene, tocca che noi se sposamo!”

              M’allontani dall’amici, m’hai strappato ar celibato
              Parlo solo come ‘n matto, sembro ‘n poro carcerato
              Me volevi tanto bene, me giravi sempre intorno
              Mo sei tutta impomatata c’hai li rolli tutt’er giorno

              Tutt’er giorno ‘ndaffarato tra er lavoro e lavà i piatti
              Nun credete che so’ storie, ne parole , ma so’ fatti
              Me stai sempre appiccicata co’ quer puzzo de cucina
              Mentre cerco de scanzatte, tu me vieni più vicina

              M’allontano ma me blocchi, me sbaciucchi, m’accarezzi
              Che sei ceca nun lo vedi, ch’è da ‘n’anno che sto’ a pezzi
              So’ un po’ anemico, sfinito, so’ ‘n po’ tutto sderenato
              C’ho li reni sempre rotti, paro ‘n poro disgraziato

              Da quer giorno de le nozze, me s’è spappolato er core
              Sia de giorno che de notte, tu voi sempre fa l’amore
              C’ho ‘na fiacca, ‘na stanchezza, nu n t’areggo, so’ distrutto
              Se continui de ‘sto passo và a fini che pianto tutto.

              Me confido co’ ‘n’amico, m’arisponne “Voi ‘n consijio?
              Se voi sta un pochetto mejo tu bisogna che fai ‘n fijo”
              Mo la notte er pupo piagne “ C’avrà fame poverino
              Caro daje ‘n po’ de latte, poi je cambi er pannolino

              Senza manco chiude ‘n’occhio, la matina stanco morto
              T’apre l’occhi e che me dice “ Come mai cammini storto”
              “**********” ja rispondo sveji e vispi c’hai l’occhioni
              Brutta zozza maledetta mo’ m’hai rotto li cojo…….

              “Me ne torno a casa mia, co’ mi madre e mi sorella
              A scemotta che te ridi, io te strappo le budella”
              “Ecco, bravo, và da mamma, ce lo sai sto’ mejo sola”
              A quer punto io m’arabbio, te l’acchiappo pé la gola

              “Ma che fai a deficente, brutto verme, bacarozzo”
              e io strigno , strigno forte, fino ar quanto che la strozzo.
              Mo sto’ dentro ‘na prigione, chiuso a chiave che me frega
              Sempre mejo sta qui dentro che vicino a quella strega.
              sigpicSo' Maggico come la Maggica

              Commenta


              • #8

                Ma sei un grande!!! Mi inchino alla tua vena poetica


                BRAVOOOO!!

                Commenta


                • #9
                  A proposito Marcy caro perchè non apri anche qui un "com'eravamo"
                  Mi piacerebbe molto anche se le mie di foto mia madre non le molla

                  Commenta


                  • #10
                    Originariamente inviato da Marina Visualizza il messaggio
                    A proposito Marcy caro perchè non apri anche qui un "com'eravamo"
                    Mi piacerebbe molto anche se le mie di foto mia madre non le molla
                    Ok hai avuto una bella idea Apro questo Topic molto volentieri ci faremo due risate.
                    P.S. Non posso correggere sulla mia prima poesia "bambola de pezza" quello Cor naso appiccicato alla vetrina nun è un lupetto ma un Pupetto E chi la legge per un attimo ha un momento di sbandamento.... ma non posso correggerlo chiama Dany e vedi che po' fa!


                    sigpicSo' Maggico come la Maggica

                    Commenta


                    • #11
                      ‘NA STORIA (Marcy)





                      Lassata dar compagno sola sola
                      A vive que’ la vita infame e dura
                      La sora Nannarella pensierosa
                      stava lì, chiusa ‘n que le quattro mura.

                      E appiccicata ar callo de ‘na stufa
                      Sta povera mammetta ‘nfreddolita
                      Guardava giù ‘n cortile un pupo bello
                      Curasse co’ lo sputo ‘na ferita

                      La mente ja ritorna ‘nsino a quanno
                      Puro li fiji sua regazzinetti
                      Giocavano li ‘n mezzo ar cortiletto
                      Felici insieme all’antri farfalletti

                      Me pare de vedelli li de sotto
                      Co’ le ginocchia sporche e spettinati
                      Cor moccioletto ar naso, sorridenti
                      Fin quanno li chiamarono sordati.

                      La guera l’ha trattati proprio male
                      A Pietro lo mannarono in confine
                      De lui già me so’ messa ‘r core ‘n pace
                      Poro fio mio che brutta fine

                      De Giggi nun c’ho avuto più notizie
                      Mo, so’ sei mesi che sto’ a tribolà
                      Preganno tutto ‘r giorno la Madonna
                      De fammelo ar più presto ritornà.

                      Dell’urtime dù righe che m’ha scritto
                      Parola pé parola me ricordo
                      Me dice “ Mamma mia me manchi tanto
                      Te penso tutto er giorno nun te scordo”

                      Conservo ancora quella letterina
                      Drento ar cassetto tutta ciafficata
                      P’avella stretta ‘r core tante vorte
                      P’avella da le lacrime bagnata.

                      Tutti li giorni leggo ‘r bollettino
                      Co’ la paura de trovacce ‘r nome
                      Me dicheno “signo’ fatte coraggio”
                      Li guardo e je rispondo “ Nun so’ come”.

                      Passato un po’ de tempo ‘na matina
                      Faceva callo, c’era l’aria afosa
                      Er core je se mise a batte forte
                      Sentiva su’ nell’aria qualche cosa.

                      S’affaccia ar barconcino e giù pe strada
                      Te vede ‘n fonno ‘’n fonno a quer vialetto
                      Un’omo co’ la camminata stanca
                      Vedrai che sarà qualche poveretto

                      Man mano che quell’omo s’avvicina
                      ‘ntravede ‘r griggio verde de ‘n sordato
                      er core je sussurta ‘E’ Giggi mio”
                      è proprio ‘r fijio mio ch’è ritornato!

                      Te scenne sverta sverta je và ‘ncontro
                      Lo bacia, l’accarezza co’ premura
                      Lo strigne forte ar petto je fa “Caro
                      M’hai fatto mette ‘n sacco de paura”.

                      Annamesene a casa, c’avrai fame
                      Te metto qualche cosa su ‘n padella
                      “A mà’, te vedo ‘n forma come stai?
                      Sarà che so’ contento ,sei più bella”.

                      E stretti stretti tutti abbraccicati
                      S’avviano li verso casa loro
                      La sora Nannarella fa ‘n soriso
                      Se chiude tutta drento a ‘n sogno d’oro.
                      sigpicSo' Maggico come la Maggica

                      Commenta


                      • #12
                        Bella e commovente
                        Bravo Marcy hai un animo veramente gentile

                        Commenta


                        • #13
                          M'hai toccato il cuore

                          Commenta


                          • #14
                            Mo che ve sete commosse ve metto 'st'altra poesia ma ve prego nun ve mettete a piagne

                            LA STORIA DE NANDO ER GONNELLA(Marcy)


                            Me parevo ‘n damerino, sempre lucido stirato
                            Quanno uscivo co’ qualcuna ero tutto ‘mprofumato
                            L’amici giu’ n borgata me chiamavano “Er Gonnella”
                            M’abbastava ‘n sorisetto pé pijamme la più bella.

                            Scarpe lucide un vestito, un ber fiore su l’occhiello
                            ‘na camicia ‘na cravatta ero er mejo er più bello
                            ‘naggiustata a li capelli e ‘n saccoccia qualche lira
                            ero pronto finalmente pé fa corpo su Cesira

                            La più bella de rione, la più dorce farfallina
                            Io discreto e disinvolto te la fermo ‘na matina
                            “A Cesì.., ‘sto core ardente, quanno penso a te me freme
                            ce lo so’ che t’arisurto, se volemo mette insieme?”

                            “Senti a Nando” m’arispose, “tu me piaci nu’ annisconno
                            Qualche vorta pe pensatte c’ho rimesso pure er sonno
                            Ma ‘sta cosa nun me piace, che fai er bello nun è gnente
                            Quanno stai co’ que l’amici, te trasformi in delinquente

                            Sempre in giro tutto er giorno, de lavoro nun parlamo
                            Tu voi fa ‘na cosa seria ma noi poi che se magnano?”
                            “A Cesì.. nun dì ‘ste cose, mo ‘sto carmo da ‘n’annetto
                            e vedrai che prima o poi t’arimedio un lavoretto

                            “C’è mi madre che m’aspetta, mo’ me tocca proprio annà
                            Se diventi ‘n po’ più serio ne potemo riparlà!”
                            Restai fermo ‘n que la piazza, come ‘n poro deficiente
                            E respiro me se blocca pure ‘r core ne risente.

                            Tutto ‘r giorno c’ho pensato ma qui ‘n ballo c’è l’onore
                            Nun me frega pianto tutto me ce metto a fa l’amore.
                            L’anno dopo se sposamio, nacque ‘n pupo, ‘na bellezza
                            Que la vita ‘nsieme a loro me riempiva de dolcezza

                            Quanno a sera stanco morto ritornavo dar lavoro
                            C’era lei che m’aspettava, me stringeva che tesoro
                            Nun lo so’ che m’è pijato sta de fatto, litigamio tutto ‘n giorno
                            “ A Cesì… ,te lasso er pupo, io mesà che nu ritorno”

                            Dopo circa un par de mesi passo ar bare ‘na matina
                            C’era Giggi Totarello e ‘na bella maschiettina
                            C’era pure un pennellone tutto bello ‘mprofumato
                            “Senti a Giggi sei scoretto nun c’hai ancora presentato”

                            “ Scusa Nando questa è Nina, lui lo chiamano Er Gonnella”
                            Io me faccio ‘na risata poi je faccio” Questa è bella”
                            M’avvicino a brutto muso, “ Guarda tu nu sei niuno
                            De Gonnella qui ‘n borgata ce ne sta solo che uno”

                            “E so’ io “ lui m’arispose. Te lo pijo e lo sbatto ar muro
                            “ Da ‘ndo venghi a fatto male, sei ‘n’agnello e voi fa er duro?
                            S’aritorni a ‘sto quartiere t’arovino quer visetto”
                            Mentre stava pe annà via, lui t’abbozza un sorisetto

                            “Sei sparito da un par d’anni” m’arisponneno l’amici
                            “Se rimanghi qui co’ noi semo solo che felici
                            M’arivorgo a la maschietta “Senti t’ho da di dù cose
                            M’accompagni a fa du passi?” “ Con piacere m’arispose”

                            S’avviamo in quer vialetto, lei me pija sotto braccio
                            Io me fermo, te la guardo, poi me dico, Ma che faccio?
                            “Scusa Nina annamo via, famo finta c’ho scherzato
                            er Gonnella nun esiste io so’ solo ‘n disgraziato”

                            Cor pensiero de Cesira me comincio a incamminà
                            Poi ripenso che Bojaccio ma che stavo a combinà?
                            M’aritrovo pe le scale che corevo come un matto
                            Entro in casa lei me vede, me fa “ A Nando ma c’hai fatto?”

                            A Cesì…, te vojo bene, so’ finiti li dolori
                            Dai preparate, pia er pupo se ‘n’annamo a magnà fori.
                            sigpicSo' Maggico come la Maggica

                            Commenta


                            • #15

                              Meno male che è finita bene

                              Commenta

                              Sto operando...
                              X