annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Le Poesie di Marcy

Comprimi
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #16
    Molto rugantiniana
    Bravissimo

    Commenta


    • #17
      Marcy è fantastica!!!! Bravo bravo bravo....

      Commenta


      • #18
        A me le cose che finiscono male nun me piaceno
        Grazie grazie grazie a tutte


        sigpicSo' Maggico come la Maggica

        Commenta


        • #19
          Veramente , veramente bellissime

          Commenta


          • #20
            Mamma mia che poeta! Sono commossa, grazie Marcy per queste belle poesie

            Commenta


            • #21
              Questa è speciale.... è per il mio Paparino quando ha compiuto i 90 Anni

              I PRIMI 90 ANNI DE’ PAPA’(Marcy)


              25\12\1909 De primo acchitto
              Sembrerebbe un numero normale
              Ma in esso se racchiude ‘n parte
              La vita de quest’omo eccezionale!

              Da Spinazzola, venne a Roma cor fratello
              Quann’era ancora regazzetto
              Trovò ‘na stanza li ar Pigneto, da mi madre
              Ma poi venne chiamato giù ar distretto.

              Ner 35 con coraggio s’è aruolato
              Giù n’Africa , co’ le Truppe coloniali
              S’è ritrovato co’ Leoni, Scimmie,
              Zanzare e un sacco d’animali.

              Lui pé mi madre, ci’avuto sempre
              Amore e un sacco de premura
              E senza pensacce tanto
              Se l’è sposata ar volo pe procura.

              Venne raggiunto e nacque mi sorella
              Poi ner 40 co’ amore e più cura de ‘na balia
              Le mise su un traghetto controvoja
              Pe’ poi, falle tornà in Italia.

              “Ho fatto la guerra d’Abissinia” dice
              E con grande, grande onore
              Si; Ma chiuso dentro un convento
              E insieme a tante, tante suore.

              Creava graziosi lampadari in ferro
              E insieme a zi Remigio pe sentisse più protetti
              Se so messi a insegnà er mestiere
              A ‘na bella scolaresca de negretti.

              Co la lima in mano e a fa capolavori
              E’ un raffinato artista
              Co’ vanto e cò premura te conserva
              Incudine e cannoncino in bella vista.

              E quanno l’ospiti novelli ner caffè
              Trovaveno ‘na mosca appiccicata ar cucchiaino
              Imbarazzati e senza fasse vede,
              Cercaveno de giocacce a nascondino.

              Me lo ricordo poi, che da pischello
              Giocavo cò l’amici giù a pallone
              Ogni tanto arzavo l’occhi, stava li,
              Lui sempre li a guardamme dar balcone.

              In Ferrovia è stato sempre er mejo
              In giro pè l’Italia, ha fatto cose d’alta scuola
              Apposta tutti quanti l’ingegneri
              Voleveno sortanto lui; “ Nicola “

              Poi quanno pé l’udito, hanno provato
              A buttallo giù dar cavallo
              De corsa ‘n sella, co tenacia rimontava,
              E je rompeva er collo.

              Fin quanno pé corpa dell’età
              L’ideale suo veniva Soddisfatto
              Se ritirava a testa arta perché ‘n’omo
              Pé lavoro nun po’ diventà matto.

              S’è sempre dedicato alla famija.
              Ottimo padre, amico, marito e gran lavoratore
              Anche se lui nun sa che “ Vordì “ ricco
              E’ stato e sarà sempre un gran signore

              Ner core tutti noi ciavemo
              Un cavaliere pieno de coraggio
              E chi più de Papà
              St’esempio de rispetto, st’esempio d’omo saggio.

              Severo co’ se stesso e umile co’ noi
              Pronto a combatte senza paura
              Per ogni causa che je pareva giusta
              Per ogni causa che riteneva pura.

              Un grazie e un grosso augurio te vojo fà
              Pé tutto er bene, che m’hai saputo dà
              E tutti qui allo Scapicollo a festeggià
              I primi Novant’anni de Papààààààààà.
              sigpicSo' Maggico come la Maggica

              Commenta


              • #22
                E' stato un uomo eccezionale, sarà stato orgoglioso di questa dedica

                Commenta


                • #23
                  In quell'occasione ...
                  Siamo stati a pranzo da "Checco allo scapicollo" e gli e l'ho letta li non c'è stato 'n'applauso ma un Boatooooooo
                  Non per la poesia ma per mio padre


                  sigpicSo' Maggico come la Maggica

                  Commenta


                  • #24
                    Tuo padre sarà stato fiero di te quanto tu di lui

                    Commenta


                    • #25
                      Originariamente inviato da Marcy Visualizza il messaggio
                      In quell'occasione ...
                      Siamo stati a pranzo da "Checco allo scapicollo" e gli e l'ho letta li non c'è stato 'n'applauso ma un Boatooooooo
                      Non per la poesia ma per mio padre


                      E sicuramente qualche lacrimuccia qua e là

                      Commenta


                      • #26
                        Ce poi giurà

                        sigpicSo' Maggico come la Maggica

                        Commenta


                        • #27
                          Roma nun se po' discute se po solo amà

                          ROMA BELLAMarcy



                          Sotto ar tramonto Roma sei un’incanto
                          Ner core de ‘la notte sei ‘na stella
                          Der firmamento tu sei la più bella
                          Ce fai pavoneggià cor monno intero.


                          Sei come ‘na sorella sei ‘na mamma
                          Te vojo bene tu sei er primo amore
                          Riesci a ingelosì le pischellette
                          Che dei Rioni so’ le farfallette.

                          E in carozzella, ar Colosseo
                          Piazza Venezia, er Campidojo e ar Cuppolone
                          Pé Lungotevere, Piazza de’ Spagna e poi
                          Lassù ar Giannicolo, m’aritrovo co te.


                          Roma , Roma, Roma, Roma bella
                          E’ ‘n’onore stà ne ‘sta città.
                          Puro per venticello è sempre un vanto
                          Accarezzatte e rinfrescatte l’aria

                          Li a Fontan de’ Trevi ‘na straniera
                          Stà con sordo in mano a sospirà
                          Poi te lo butta dentro ar Fontanone
                          Mentre ‘na lacrima je bagna er core.


                          Roma , Roma, Roma, Roma bella
                          E’ ‘n’onore stà ne ‘sta città.
                          Puro per venticello è sempre un vanto
                          Accarezzatte e rinfrescatte l’aria
                          sigpicSo' Maggico come la Maggica

                          Commenta


                          • #28
                            Grazie Marcy
                            Regalo più bello non potevi farmi
                            Hai ragione Roma non si discute si ama

                            Commenta


                            • #29
                              E' veramente meravigliosa Marcy...ma sei un uomo da sposareeeeeee

                              Commenta


                              • #30
                                Grazie dei complimenti...
                                Ma non ho fatto niente de speciale perchè chi conosce Roma queste cose le sa , io ho solamente trasferito i miei pensieri su un foglio di carta


                                sigpicSo' Maggico come la Maggica

                                Commenta

                                Sto operando...
                                X